Pianosa: l'isola del silenzio

Pianosa (Comune di Campo nell’Elba) con una superficie di 10,2 kmq (altezza massima 29 metri s.l.m.) è per estensione la quinta isola dell’Arcipelago Toscano. Frequentata dall’uomo preistorico e dai più antichi navigatori presenta testimonianze del neolitico, dell’eneolitico e dell’età del Bronzo. Sede di strutture residenziali marittime di epoca romana, nel periodo imperiale fu luogo d’esilio di Agrippa Postumo, nipote di Augusto. Per le numerose testimonianze del passato l’intera isola è sottoposta a vincolo archeologico, sotto il controllo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno.
Le informazioni sulla fruizione turistica sono disponibili presso il punto Info Park del Parco Nazionale (dotato di bookshop), da qui partono le escursioni guidate, che consentono di visitare l’isola oltre il muro che delimita il paese.
L’Associazione per la Difesa dell’Isola di Pianosa cura diverse iniziative culturali e presenta una mostra a ingresso libero (dalle ore 11 alle ore 17) con foto, carte e filmati che ripercorrono la storia dell’isola. E’ presente anche un bookshop con libri storici, naturalistici e fotografici. Il carcere è stato dismesso nel 1998; attualmente sull’isola è presente un presidio dell’Amministrazione Penitenziaria che cura processi di recupero e di reinserimento dei detenuti nel mondo del lavoro, nell’ambito dei servizi di accoglienza e ristorazione, servizi agricoli e di manutenzione del territorio.
Sull’isola è disponibile un servizio di bar ristorazione ed è possibile soggiornare nel suggestivo Hotel Milena. Informazioni al numero 345 9853862. All’esterno del ristorante, con accesso rivolto verso la spiaggia balneabile di Cala Giovanna, sono disponibili i servizi igienici con orario di apertura dalle 11:00 alle 17:00, in coincidenza con gli sbarchi dei turisti giornalieri.

 

Catacombe di Pianosa

Complesso catacombale paleocristiano, che comprende circa 700 sepolture scavate nella pietra locale e utilizzate a partire dal IV secolo d.C., ubicato nel settore orientale dell’isola e all’interno del paese di Pianosa. Il cimitero presenta tutte la caratteristiche morfologiche e monumentali che connotano le altre catacombe scavate, nel corso della larda Antichità, nei vari centri dell’Italia peninsulare e insulare, conferendo peraltro alla Toscana il ruolo di regione più settentrionale in cui sino ad ora sono stati riconosciuti monumenti funerari con caratteristiche di questo tipo.
La catacomba, la cui realizzazione deve essere genericamente riferita alla seconda metà del Ill secolo d.C. con un utilizzo protratto almeno fino al V secolo, si articola in due distinte aree, una più antica e una più recente. Le Catacombe si fruiscono con visite guidate. Intero € 5; ridotto € 3 ragazzi 5-12 anni; esenti bambini 0-4 anni, disabili e loro accompagnatori.

Museo delle Scienze Geologiche e Archeologiche

Il Museo delle Scienze Geologiche e Archeologiche svela la storia di Pianosa a partire dalle rocce più antiche risalenti a circa 19 milioni di anni fa fino ai depositi dell’ultimo periodo glaciale e ripercorre le tracce dell’uomo dal Paleolitico Superiore fino all’età romana e al Medioevo. L’abbondanza di fossili e la presenza dei primi abitanti sono strettamente legati all’evoluzione geologica e paleogeografica dalla “non isola” per arrivare all’isola che conosciamo oggi. La storia di questo prezioso e affascinante fazzoletto di terra è narrata tramite pannelli esplicativi, video e laboratori didattico/divulgativi. Il Museo è fruibile con visite guidate. Intero € 5; ridotto € 3 ragazzi 5-12 anni; esenti bambini 0-4 anni, disabili e loro accompagnatori.

Casa dell’Agronomo

Costruita nel periodo cosiddetto Ponticelliano – Ponticelli fu Direttore del carcere di Pianosa tra il 1871 e il 1881 – e certamente terminata prima del 1875, come documenta una stampa che reca questa data e che mostra l’edificio portato a compimento, la Casa dell’Agronomo non fu edificata, in realtà, per il solo Agronomo, figura che in effetti vi risiedeva, ma anche per ospitare altri dipendenti della Colonia Penale Agricola.  Si tratta certamente di uno degli edifici più pregevoli dell’intera isola, edificato, in base al gusto dell’epoca, in stile eclettico, con elementi decorativi che si ritrovano in diversi fabbricati di Pianosa quali il Forte Teglia e il Palazzo della Specola.

Per la costruzione della Casa dell’Agronomo sono stati utilizzati blocchi di pietra locale e mattoni provenienti da una fornace anticamente attiva sull’isola. La struttura architettonica dell’edificio è composta da due piani fuori terra ed è caratterizzata da un corpo centrale costituito da una torre in cui è situata la scala che porta ai vari piani dell’edificio paramenti originali della facciata, che presentavano aree intonacate e dipinte, sono stati recuperati dal restauro, come anche le colonnine di coronamento che incorniciavano il tetto.

Restaurata grazie ad un impegnativo progetto curato e finanziato dal Parco Nazionale Arcipelago Toscano, l’edificio sarà prossimamente restituito alla fruizione e ospiterà una struttura espositiva all’interno della quale, grazie anche a strumenti conoscitivi multimediali, sarà possibile andare alla scoperta della storia e delle caratteristiche ambientali dell’isola di Pianosa.

L’EDIFICIO. Rappresenta uno degli edifici più pregevoli dell’intera isola. La struttura architettonica è composta da due piani ed è caratterizzata da un corpo centrale costituito da una torre in cui è situata la scala che porta ai vari piani dell’edificio.

IL PERCORSO DI VISITA. E’ possibile effettuare la visita della nuova struttura museale, da poco ristrutturata e inaugurata, in cui viene presentata la storia dell’isola e le multiformi espressioni della natura insulare. Il piano terra è dedicato alla storia di Pianosa, i pannelli espositivi illustrano le varie epoche corredando la descrizione con fotografie dell’isola di un tempo, mappe catastali, antiche cartine.  I piani superiori sono dedicati alla natura dell’isola. L’allestimento multimediale permette di conoscere la distribuzione dei vari ambienti: scogliere sommerse e superficiali, spiagge, fondali sabbiosi, macchie, garighe, pascoli abbandonati, foreste.  L’ultimo piano presenta i pannelli sulla fauna di Pianosa e una postazione digitale dove è possibile osservare i diversi esemplari di avifauna e ascoltarne il canto. Il percorso di visita termina con due sale video che permettono di effettuare un’immersione virtuale nel mare di Pianosa.  Lungo tutto il percorso sono disponibili pannelli tattili, scritte in braille e audio che accompagnano il visitatore non vedente alla fruizione dell’esperienza.

Ingresso € 10,00 (intero), € 5,00 (ridotto 5 – 12 anni); gratuito (0-4 anni, disabile e suo accompagnatore) su prenotazione (da effettuare in loco o durante la navigazione).

Le regole per la visita di Pianosa

Le visite sono consentite nelle zone indicate dall’Ente Parco; tali zone possono subire variazioni in base ad esigenze di carattere ambientale. Sull’isola è impossibile conferire rifiuti (compresi i mozziconi di sigarette). Tutti i rifiuti devono essere portati via. A Pianosa è vietato prelevare organismi vegetali e animali (marini e terrestri), fossili, sabbia e altri reperti geologici e archeologici.

Non è consentito l’accesso (ad esclusione della zona del paese e di Cala Giovanna, unica spiaggia dove è permessa la balneazione) all’interno dell’isola senza la presenza di una Guida autorizzata. Sull’isola non è consentita l’introduzione e la detenzione di animali da affezione o compagnia. Ai cani è consentito l’accesso solo nell’area del paese (esclusivamente al guinzaglio e sotto lo stretto controllo del proprietario), mentre è vietato nella spiaggia di Cala Giovanna e oltre il Muro Dalla Chiesa che delimita la ex Colonia Penale Agricola, così come riportato nella mappa e negli appositi cartelli presenti in loco. E’ consentito l’accesso su tutta l’isola (nell’ambito delle visite guidate) ai cani guida per non vedenti.

Per maggiori informazioni: https://www.dgc.gov.it/web/

Abbigliamento e consigli per la visita

Nel periodo primaverile ed estivo si segnala sull’isola la presenza di insetti ed acari (in particolare zecche). Ciò si verifica regolarmente in natura; a Pianosa ogni anno, a fine primavera e ad inizio estate, risultano essere particolarmente numerosi. Tale presenza potrebbe risultare fastidiosa durante lo svolgimento delle escursioni, per questo invitiamo i partecipanti a seguire le indicazioni delle guide e a dotarsi di specifici repellenti.

Indicazioni sulla biologia della specie

Raggiungere l'isola di Pianosa

Collegamento marittimo giornaliero – Motonave di linea Aquavision. Permette di raggiungere Pianosa partendo dall’isola d’Elba (Marina di Campo) e in alta stagione anche da Piombino.

Andata: Piombino 8:30 – Marina di Campo 10:00 – arrivo a Pianosa 10:45
Ritorno: Pianosa 17:00 – Marina di campo 17:45 – arrivo a Piombino 19:30

Ritrovo e ritiro biglietti a Marina di Campo 30/45 minuti prima della partenza (Info Point, Piazza dei Granatieri, Marina di Campo).
Biglietteria Aquavision tel. 0565 976022 – aquavision.it

Collegamento settimanale (martedì) – Traghetto Toremar. Con partenza da Piombino e scalo a Rio Marina.

Andata: Piombino 08:20 – Rio Marina 09:20 – arrivo a Pianosa 11:10
Ritorno: Pianosa 14:10 – Rio Marina 16:00 – arrivo a Piombino 17:10

Biglietteria Toremar di Rio Marina tel. 0565 960131 – toremar.it

Immergersi nelle acque protette di Pianosa

Nella fascia di mare protetta il Parco Nazionale ha reso disponibili alcune boe di attracco per consentire l’immersione e la fruibilità sostenibile dei percorsi subacquei. E’ possibile prenotare ed effettuare le immersioni rivolgendosi esclusivamente ad uno dei diving autorizzati il cui elenco è consultabile alla pagina islepark-pianosa-immersioni. Per informazioni Info Park 0565 908231.

Walking Festival

In primavera e in autunno il Parco Nazionale propone passeggiate ed escursioni bike gratuite con Guide Parco e con esperti. Per partecipare è necessario munirsi del biglietto della motonave e prenotare cliccando qui:

Walking Festival

Escursioni e visite guidate

Per conoscere tutta la ricchezza naturalistica e geo-archeologica dell’isola si possono prenotare escursioni e visite guidate. La prenotazione avviene online e si completa pagando con carta di credito. Scopri e prenota le escursioni cliccando sui link qui sotto:

cartina dell'isola di pianosa
fondale marino di pianosa
visitare l'isola di pianosa

Per agenzie e gruppi organizzati contattare InfoPark 0565 908231 – info@parcoarcipelago.info