X
MENU
X

emma

Festival del Camminare 2017

Il Festival del Camminare

Perché il Festival del Camminare nel Parco Nazionale Arcipelago Toscano?
Perché da sempre all’Elba ci si sposta a piedi, ma anche su ogni isola dell’Arcipelago Toscano si può camminare con soddisfazione. Salire i pendii, scendere lungo le vallate, raggiungere la costa, attraversare la macchia, inoltrarsi lungo gli antichi viottoli con passo spedito in gruppo e in allegria, diventa un modo coinvolgente e salutare per trascorrere il tempo libero.
Ogni isola ha il suo personale corredo di flora e fauna con specie diffuse ed altre rare ed esclusive. In questo programma abbiamo selezionato per voi alcuni percorsi per dare spazio alle vostre personali scoperte, in primavera dall’8 aprile al 1 maggio e dal 23 settembre all’8 ottobre.

ABBIGLIAMENTO, ATTREZZATURA E SCARPE
Per rendere il più piacevole possibile l’escursione in natura, consigliamo di dotarsi di un abbigliamento adeguato alla stagione, comodo e resistente, con colori non troppo vivaci, per mimetizzarsi nell’ambiente e non disturbare la fauna presente, in modo da poter effettuare così interessanti avvistamenti. E’ consigliato un pratico zainetto con sufficiente scorta d’acqua e tutto ciò che può essere utile durante l’escursione (cappello, occhiali da sole, pranzo al sacco). Se vogliamo osservare meglio il territorio e la fauna che lo popola possiamo portarci un binocolo, ideale in modo particolare per il birdwatching, e se desideriamo anche documentare i nostri avvistamenti, una fotocamera ed un piccolo taccuino: le isole di Toscana rimarranno per sempre nel vostro cuore!
Sono consigliate scarpe da escursionismo (scarponcini da trekking a caviglia alta), o comunque adatte per le escursioni. Ai visitatori privi di calzature idonee potrebbe, a giudizio della guida non essere consentita la visita.

Per informazioni e prenotazioni InfoPark:
tel. 0565 908231 – walking@parcoarcipelago.info

Le escursioni e le attività proposte durante il Festival del Camminare sono gratuite, eventuali quote di partecipazione, ove previste, sono indicate. Le escursioni verranno effettuate anche
in presenza di un numero
ristretto di partecipanti.
Prenotazione obbligatoria
entro le ore 18 del
giorno precedente.

 

7 aprile
Inaugurazione del Festival
Incontro con Daniela Ducato
Un testimonial d’eccezione per inaugurare il Festival del Camminare del 2017
Quando l’eccedenza produce eccellenza. Esperienze dell’imprenditrice sarda Daniela Ducato anima e cuore di aziende sarde specializzate nella produzione di materiali ad alta tecnologia industriale, realizzati esclusivamente con surplus ed eccedenze vegetali, animali e minerali. Molti i riconoscimenti ricevuti tanto che Daniela Ducato è entrata nella top ten delle eccellenze tecnologiche mondiali.
Auditorium De Laugier Portoferraio 7 aprile ore 17.00
8 aprile
Elba orientale
Trekking minerario alla vecchia ferrovia
Escursione pomeridiana alle Miniere di Calamita, Cantiere del Vallone passando per la spiaggia dell’Innamorata; possibilità di raccolta di piccoli campioni di mineralizzazioni varie sia del rame che del ferro. Visita al Museo della Vecchia Officina con degustazione.
Ritrovo: ore 14.00 parcheggio spiaggia Inammorata
Camminare geo – Durata: 5 ore – Difficoltà: media

8 aprile
Elba orientale
Passeggiando a colori, la Via dell’Amore
Dalla spiaggia di Ortano Mare si imbocca il “Sentiero dell’Amore” immerso nei profumi della macchia mediterranea, dove il paesaggio tra cielo e mare offre suggestioni romantiche. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10.00 con auto al seguito presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba – Durata 3 ore – Difficoltà: media
9 aprile
Elba occidentale
Il sentiero delle Cotete
Partenza da Chiessi per inaugurazione del sentiero “Le cotete”. Tra paesaggi granitici e rigogliosa vegetazione mediterranea, saliremo dal paese verso il Semaforo. Dove le rocce di copertura scivolano sul granito del Capanne, si incrocia il nuovo percorso che, scavalcando “le cotete” conduce sopra “il capo”. Sull’altura che ospita i vecchi palmenti, luogo di antichi e sapienti mestieri, ci attenderà il Comitato festeggiamenti di Chiessi per una merenda come ai tempi dei nostri nonni. Camminare naturalisitco.
Ritrovo ore 9.30 a Chiessi – Durata: 4 ore – Difficoltà: media.

9 aprile
Elba orientale
Al centro della Terra
Trekking minerario alla miniera sotterranea di Monte Calamita. Visita alla suggestiva galleria del Ginevro (quota 6 m s.l.m., temperatura interna 18 / 20°C). All’esterno sarà possibile raccogliere piccoli campioni di mineralizzazioni del ferro. Trasferimento da Capoliveri a/r con bus navetta. Degustazione della tipica schiaccia briaca presso il “Museo della Vecchia Officina”. Camminare geo.
Ritrovo: ore 9.00 a Capoliveri, Piazza del Cavatore
Durata: 4 ore – Difficoltà: medio-facile

9 aprile
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante endemiche e coltivate, animali autoctoni o importati dall’uomo per scoprire la biodiversità di un’isola completamente inserita nell’area integrale del Parco Nazionale. Camminare naturalistico.
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision
Durata: 5 ore (escursione sull’isola di Pianosa); il viaggio in motonave da Marina di Campo a Pianosa dura 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r Marina di Campo – Pianosa (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)

11 aprile
Elba orientale
Passeggiando a colori
In silenzio, la luna piena crea delle ombre magiche. Percorso ad anello. Partenza dalla Casa del Parco, vista al borgo medievale di Rio Nell’Elba, itinerario lungo il sentiero che porta all’ Aia di Cacio. E’ consigliato l’uso di una torcia. Camminare sensoriale.
Ritrovo ore 20.30 presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba,
Durata 2,5 ore – Difficoltà: medio facile

11 aprile
Elba Occidentale
Passeggiare al chiaro di luna
Camminare in silenzio, percorso suggestivo per ritrovare noi stessi. L’avventura di una passeggiata di notte con la sola luce della luna piena riflessa nel mare, per raggiungere il suggestivo Santuario della Madonna del Monte. Una piena immersione sensoriale nel fascino del chiarore lunare. Camminare sensoriale
Ritrovo ore 21:15 presso la Casa del Parco di Marciana
Durata: 3 ore – Difficoltà: facile
15 aprile
Elba orientale
Trekking minerario alla vecchia ferrovia Una Escursione pomeridiana alle Miniere di Calamita, Cantiere del Vallone passando per la spiaggia dell’Innamorata; possibilità di raccolta di piccoli campioni di mineralizzazioni varie sia del rame che del ferro. Visita al Museo della Vecchia Officina con degustazione.
Camminare geo.
Ritrovo: ore 14,00 a Capoliveri, parcheggio spiaggia dell’Innamorata. Durata: 5 ore – Difficoltà: medio-facile
15 aprile
Elba orientale
Passeggiando a colori
Le sfumature di primavera alle Pietre Rosse. Percorso ad anello da Aia di Cacio fino alla selvaggia Cala dei Mangani e a Nisportino con scorci panoramici sulla scogliera.
Camminare geo
Ritrovo ore 10.00 con auto al seguito presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba
Durata 6 ore – Difficoltà: impegnativa
dal 15 al 17 aprile
Isola d’Elba GTE Gourmet
Grande Traversata Elbana… Gourmet
in collaborazione con il Consorzio Elba Taste
E’ un’occasione per abbinare la voglia di camminare e di vedere panorami unici senza troppa fretta con quella di conoscere e degustare le specialità dell’isola d’Elba.

1° giorno. Arrivo all’isola d’Elba. Trasferimento in agriturismo. Breve passeggiata. Aperitivo e degustazione. Cena e pernottamento.

2° giorno. Escursione trekking. Cavo – Monte Grosso – Monte Strega – Monte Capannello – Cima del Monte – Monte Castello – Porto Azzurro. Pranzo al sacco. Nel pomeriggio visita alla cantina di un’azienda agricola con degustazione. Cena in ristorante. Trasferimento in hotel. Pernottamento.
Difficoltà: medio-facile
Durata 6 ore

3° giorno. Prima colazione. Trasferimento a Portoferraio. A passeggio nella storia. Visita della città rinascimentale di Cosimo I de’ Medici. Aperitivo, degustazione. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio fine dei servizi e inizio viaggio di rientro.
Quota di partecipazione € 289,00 comprensiva di pernottamento, pasti, guida specializzata, trasferimenti. Quota di partecipazione senza sistemazione e pernottamento € 35 al giorno
15 aprile
Elba Occidentale
Marciana: Il borgo medievale
Una passeggiata guidata nel cuore medievale del centro storico di Marciana, visitando le caratteristiche vie del borgo e le botteghe con i prodotti artigianali. Un viaggio nella storia e nella cultura del più antico paese dell’isola attraverso il suo circuito museale: Museo Archelogico, Museo di numismatica “la Zecca”, Fortezza Pisana e Casa del Parco. Camminare storico
Ritrovo: ore 15:30 Marciana di fronte alla farmacia
Durata: 3 ore – Difficoltà: facile

16 aprile
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante endemiche e coltivate, animali autoctoni o importati per scoprire la biodiversità di un’isola completamente inserita nell’area integrale del Parco Nazionale.
Camminare naturalistico.
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione su Pianosa); viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)
17 aprile
Elba orientale
Capoliveri: i minatori, la Vantina, il Polluce
Scopriremo l’antico borgo medievale e tra gli stretti vicoli vedremo alcuni macchinari utilizzati nelle miniere. Conosceremo la storia della Vantina, giovane eroina che convinse Napoleone a risparmiare il paese. Visiteremo il Museo del Mare per scoprire un vero tesoro degli abissi: i preziosi reperti del piroscafo Polluce, affondato nel mare di Capoliveri, e conosceremo la straordinaria vicenda del naufragio e del recupero. Al termine degustazione della tipica schiaccia briaca capoliverese. Camminare storico
Ritrovo: ore 17.00 – Capoliveri Piazza del Cavatore
Durata: 2 ore – Difficoltà: facile
17 aprile
Elba occidentale
Marciana- Pomonte, antiche vie di comunicazione
Immersi nel castagneto risaliremo verso la Madonna del Monte per poi proseguire verso Serraventosa ed il Troppolo, tra piccoli corsi d’acqua, macchia mediterranea, vecchi terrazzamenti. Antiche vie di comunicazione per contadini, pastori, viandanti, militari e religiosi. Alla fine del percorso ci aspetteranno gli albergatori della costa del sole con una merenda in Piazza della Chiesa. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9,30 Pomonte Piazza della Chiesa
Durata 6 ore – Difficoltà: impegnativo

21 aprile
Elba Orientale
Passeggiando a colori con il naso all’insù
Un percorso che alterna tratti di salita e panorami suggestivi sul versante orientale dell’Elba, tra i profumi della macchia mediterranea e avvistamenti dei rapaci
Camminare naturalistico
Ritrovo ore 16.00 presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba
Durata 3 ore – Difficoltà: media
22 aprile
Isola di Pianosa
Ali su Pianosa, birdwatching.
Escursione nella parte nord dell’isola per parlare dell’avifauna stanziale e migratoria e delle nidificazioni. Con l’orecchio attento a distinguere i canti e l’occhio concentrato a cogliere i piccoli particolari di un batter d’ali, impareremo le tecniche di birdwatching e a identificare le varie specie presenti sull’isola. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision
Durata: 4 ore (escursione su Pianosa); viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: facile – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)
23 aprile
Elba occidentale
Paesaggi di granito
Escursione mozzafiato sulle alture del versante meridionale di Monte Capanne. Visiteremo Pietra Murata, Masso alla Quata e lo straordinario caprile delle Macinelle, per poi scendere a valle fino a Pomonte.
Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 San Piero Piazza della Chiesa
Durata: 7 ore – Difficoltà: impegnativo

23 aprile
Elba occidentale
Passeggiare con mamma e papà
Una semplice passeggiata per conoscere i profumi e le tracce degli animali che vivono nella macchia mediterranea. Una passeggiata facile da fare in famiglia alla scoperta dell’ambiente che ci circonda. Finiremo nella spiaggia di Fetovaia a giocare sulla sabbia! Il Pino Solitario ci ospita per una merenda al nostro arrivo.
Camminare in famiglia
Ritrovo alle ore 9.30 a Fetovaia con trasferimento navetta a Pomonte. Durata: 3 ore – Difficoltà: facile

24 aprile
Elba orientale
L’ultimo tocco di Tirreno
Percorso semplice e poco impegnativo, in buona parte all’ombra, particolarmente rilevante sotto il profilo storico e naturalistico. Un vero gioiello il tratto di Cala di Cancheretti sotto il profilo geologico e botanico, testimonianza dell’ultima trasgressione tirreniana, ovvero l’ultimo livello toccato dalle acque prima di ritirarsi al livello attuale, caratterizzato da un eccezionale habitat di panchina tirrenica a ginepreto e limonium. Sosta sul mare per pranzo al sacco. Camminare Geo
Ritrovo ore 10.00 presso la pineta del Frugoso a Cavo
Durata: 5 ore – Difficoltà: facile

24 aprile
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante e animali per capire la biodiversità di una delle isole completamente inserite nell’Area Protetta. Parleremo delle iniziative e dei progetti di conservazione del Parco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione sull’isola di Pianosa); il viaggio in motonave da Marina di campo a Pianosa dura 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r Marina di Campo – Pianosa (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)
25 aprile
Elba occidentale
Gli anelli del Raggio verde
Partendo da Patresi risaliamo attraverso la macchia mediterranea ed il bosco di castagno per raggiungere il santuario della Madonna del Monte. Dopo una pausa continuiamo per il caprile di Serraventosa e scendiamo percorrendo il Raggio Verde. Il sentiero si snoda attraverso la macchia mediterranea, sulla costa che guarda verso la Corsica, tra terrazzamenti ancora ben in vista e in parte ancora coltivati, costeggiando la lussureggiante vallata del Bollero. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 10,00 Patresi presso hotel Belmare
Durata: 5 ore – Difficoltà: media

25 aprile
Elba orientale
I leggendari giacimenti di Rio
Trekking nei cantieri minerari di Rio Marina con raccolta di campioni a Valle Giove. Camminare geo
Ritrovo ore 9.30 presso Centro Visite Parco Minerario di Rio Marina – Durata: 4 ore – Difficoltà: facile

29 aprile
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante e animali per capire la biodiversità di una delle isole completamente inserite nell’Area Protetta. Parleremo delle iniziative e dei progetti di conservazione del Parco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione su Pianosa); il viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)
30 aprile
Elba orientale
Laboratorio di pittura naturalistica presso Eremo di S. Caterina, Orto dei Semplici.
Come i viaggiatori dei grand tour ottocenteschi, ognuno sceglierà un luogo, un elemento naturale o antropico da dipingere, con l’aiuto della Guida Parco Cinzia Battaglia che vi darà dei piccoli suggerimenti, da portarsi un taccuino e colori.
Ritrovo ore 10.00 con auto al seguito presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba
Durata: 2 ore – Difficoltà: semplice

30 aprile
GTE Gourmet Elba
Fetovaia, Monte Orlano e la Sughera
Si parte da Pomonte risalendo monte Orlano. Arrivati sulla sommità, attraverseremo il pendio del Monte Cenno dal quale potremmo ammirare la bellezza di Pianosa, Montecristo ed uno sguardo alla Corsica, per poi scendere sul crinale del pianoro denominato “La Sughera”. Alla fine del percorso gli albergatori ci accoglieranno con una merenda al Pino Solitario. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 9.30 Fetovaia, trasferimento a Pomonte con bus navetta. Durata: 5 ore – Difficoltà: medio-impegnativo
1 maggio
Elba Occidentale
Il Semaforo di Campo alle Serre
Si sale fino al suggestivo e panoramico Semaforo di Campo alle Serre (radiofaro militare) che, guardando la Corsica, domina un ampio tratto di mare. Proseguendo verso nord nella macchia mediterranea incontreremo piccoli corsi d’acqua, antichi terrazzamenti e boschi di castagno. Da Serraventosa si scende costeggiando la valle del Bollero fino a Colle d’Orano, dove ci aspetta la merenda offerta dall’Hotel Villa Rita. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9:30 Colle d’Orano – Durata 6 ore – Difficoltà: medio – impegnativo
1 maggio
Elba orientale
Trekking minerario alla vecchia ferrovia
Una Escursione pomeridiana alle Miniere di Calamita, Cantiere del Vallone passando per la spiaggia dell’Innamorata; possibilità di raccolta di piccoli campioni di mineralizzazioni varie sia del rame che del ferro. Visita al Museo della Vecchia Officina con degustazione.
Camminare geo
Ritrovo: ore 14,00 a Capoliveri, parcheggio spiaggia dell’Innamorata. Durata: 5 ore – Difficoltà: medio-facile
8 aprile
Isola di Capraia
Tramonto al Dattero
Partendo dal porto, attraverso la strada sterrata delle diramazioni della Colonia Penale, si incrocia un facile sentiero che in pochi minuti conduce a Punta del Dattero; nome dovuto alla presenza sulla falesia della Chamerops umilis, antica palma nana. Uno spettacolare affaccio sulla costa occidentale per vedere il tramonto sulla Corsica. Il ritorno nella magia di una passeggiata sotto le stelle. Consigliati viveri e torcia. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 16.30 Chiesa dell’Assunta – Durata 4 ore Difficoltà: medio-facile

9 aprile
Isola di Capraia
Trekking Lo Stagnone – Monte le Penne
L’antica mulattiera ci conduce al panoramico Semaforo, un tempo utilizzato come punto di avvistamento dalla Marina Militare. Da qui si raggiunge l’unico laghetto naturale dell’Arcipelago, che accoglie l’avifauna migratoria, e lo sperone roccioso di Monte Le Penne, per dominare dall’alto la selvaggia costa occidentale dell’isola. Si rientra passando dalla colonia penale. Degustazione prodotti locali. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 9.00 in Piazza Milano
Durata: 5 ore – Difficoltà: impegnativo

16 aprile
Isola di Capraia
Il sentiero del Reganico
Un sentiero di recente sistemazione, un vero e proprio giardino botanico naturale dove poter osservare tutte le specie caratteristiche della macchia mediterranea caratterizzato dalla presenza di muretti a secco che testimoniano la passata attività agricola dei capraiesi. Il sentiero ad anello ritorna al Paese passando per la suggestiva Cala dello Zurletto.
Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 14.00 in Piazza della Chiesa in Paese
Durata: 2 ore – Difficoltà: facile

22 aprile
Isola di Capraia
Il sentiero del Reganico
Un sentiero di recente sistemazione, un vero e proprio giardino botanico naturale dove poter osservare tutte le specie caratteristiche della macchia mediterranea caratterizzato dalla presenza di muretti a secco che testimoniano la passata attività agricola dei capraiesi. Il sentiero ad anello ritorna al Paese passando per la suggestiva Cala dello Zurletto. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 14.00 in Piazza della Chiesa in Paese
Durata :2 ore – Difficoltà: facile
23 aprile
Isola di Capraia
Il monte Arpagna
Un viaggio nel cuore selvaggio di Capraia sull’antica mulattiera in pietra che conduce all’estremo sud dell’isola. Per lunghi tratti un tunnel di macchia mediterranea rende ombrosa questa passeggiata impegnativa con salite impervie e discese scoscese. Superate le costruzioni militari si sale su Monte Arpagna con il Semaforo (resti di edifici della Marina Militare) e uno splendido panorama fino alla Torre dello Zenobito e alla celebre Cala Rossa.
Ritrovo: ore 09.00 in Piazza della Chiesa – Durata 6 ore
Difficoltà impegnativo
29 aprile
Isola di Capraia
Trekking Lo Stagnone – Monte le Penne
L’antica mulattiera ci conduce al panoramico Semaforo, un tempo utilizzato come punto di avvistamento dalla Marina Militare. Da qui si raggiunge l’unico laghetto naturale dell’Arcipelago, che accoglie l’avifauna migratoria, e lo sperone roccioso di Monte Le Penne, per dominare dall’alto la selvaggia costa occidentale dell’isola. Si rientra passando dalla colonia penale. Degustazione prodotti locali. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 9.00 in Piazza Milano
Durata: 5 ore – Difficoltà: impegnativo

8 aprile
Isola di Giannutri
La Villa romana
Escursione e visita guidata del sito archeologico con la Villa Romana: qui scopriremo i resti di una sontuosa villa di epoca imperiale vicino alla panoramica Punta Scaletta, nei pressi di Cala Maestra. Il complesso fu edificato nel II sec. d.C. dalla potente famiglia Domizi Enobarbi, della quale faceva parte Gneo Domizio, marito di Agrippina, madre di Nerone. I resti di molte strutture occupano la zona centro-occidentale dell’isola. Camminare naturalistico e storico
Ritrovo: Porto S. Stefano imbarco traghetti Maregiglio ore 9.30 con il biglietto – Durata: 6 ore – Difficoltà: facile

9 aprile
Isola del Giglio
Di profumo in profumo, di colore in colore!
Escursione nella parte centrale dell’isola per un’immersione tra i colori e i profumi della Macchia Mediterranea. Armati di fotocamera per vivere una giornata nella natura profumata che ci farà dimenticare la routine dei centri urbani lasciandoci anche colorati foto-ricordi! Pranzo al sacco. Per chi arriva dalla terraferma ci sarà tutto il tempo di raggiungere l’ultimo traghetto (ore 18,00). Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 10,00 Giglio Castello in Piazza Gloriosa
Durata : 6 Ore – Difficoltà: media

17 aprile
Isola del Giglio
Pasquetta, in buona e “gustosa”compagnia!
Escursione a piedi in direzione sud, nella parte più selvaggia dell’isola, fino alla località Altura dove il paesaggio è dominato dal giallo della ginestra spinosa. Presso l’Azienda Agricola Altura si potrà gustare l’aperitivo con il loro ottimo vino Ansonaco (€ 10,00 a persona). Dopo pranzo si ritornerà a Giglio Castello via strada asfaltata. Chi non volesse tornare indietro a piedi, potrà avvalersi del servizio taxi (a pagamento). Camminare per gusto
Ritrovo: ore 10,00 Giglio Castello, Piazza Gloriosa. Durata: 8 Ore – Difficoltà: media – Costo aperitivo € 10,00 a persona.

22 aprile
Isola di Giannutri
La Villa romana
Escursione e visita guidata del sito archeologico con la Villa Romana: qui scopriremo i resti di una sontuosa villa di epoca imperiale vicino alla panoramica Punta Scaletta, nei pressi di Cala Maestra. Il complesso fu edificato nel II sec. d.C. dalla potente famiglia Domizi Enobarbi, della quale faceva parte Gneo Domizio, marito di Agrippina, madre di Nerone. I resti di molte strutture occupano la zona centro-occidentale dell’isola. Camminare naturalistico e storico
Ritrovo: Porto S. Stefano imbarco traghetti Maregiglio ore 9.30 muniti di biglietto – Durata: 6 ore – Difficoltà: facile

24 aprile
Isola del Giglio
Escursione e visita guidata all’Azienda Agricola Biologica “Barbara Arienti”
Escursione nella zona sud-est dell’isola, la più selvaggia. Dopo 2 ore di cammino si raggiungerà Cala degli Alberi e l’Azienda Agricola Biologica “Barbara Arienti”, affiancata all’Hotel Hermitage; strutture raggiungibili solo via mare o tramite sentiero. All’arrivo, per chi ne farà richiesta entro il giorno precedente l’escursione, sarà possibile pranzare con i prodotti dell’Azienda agricola. L’Azienda si occupa soprattutto di allevamento di capre, asini, suini (cinta senese), pecore, galline; ma anche di prodotti dell’orto e grano, utilizzando antichi cultivar.
Dopo pranzo, visita dell’Azienda Agricola a cura dei proprietari. Verso le 16,30 partenza da Cala degli Alberi per Giglio Porto, con l’ausilio dei Taxi Boat. Camminare per gusto
Durata : 7 Ore – Difficoltà: media.
29 aprile
Isola di Giannutri
La Villa romana
Escursione e visita guidata del sito archeologico con la Villa Romana: qui scopriremo i resti di una sontuosa villa di epoca imperiale vicino alla panoramica Punta Scaletta, nei pressi di Cala Maestra. Il complesso fu edificato nel II sec. d.C. dalla potente famiglia Domizi Enobarbi, della quale faceva parte Gneo Domizio, marito di Agrippina, madre di Nerone. I resti di molte strutture occupano la zona centro-occidentale dell’isola. Camminare naturalistico e storico
Ritrovo: Porto S. Stefano imbarco traghetti Maregiglio ore 9.30 muniti di biglietto – Durata: 6 ore – Difficoltà: facile

30 aprile
Isola del Giglio
Panorami dall’alto
Escursione a piedi, lungo il crinale dell’isola, dove i panorami dall’alto regalano un ampia veduta sull’isola, sulle isole che la circondano e sulla terraferma. Si procederà in direzione sud fino al Poggio della Chiusa, per continuare poi verso Castellucci, dove ci si fermerà per il pranzo al sacco. Dopo pranzo, si raggiungerà il Sasso Ritto, estremo colle della dorsale a sud, per ritornare poi, con percorso ad anello, sulla strada di partenza, dove si prenderà il bivio per destinazione Cala delle Cannelle. Arrivati sulla spiaggia delle Cannelle, sosta. Ritorno a piedi dalle Cannelle a Giglio Porto, in tempo per il traghetto delle 18,00. Camminare naturalistico
Durata : 7 Ore – Difficoltà: media.
Ritrovo: ore 10,00 Giglio Castello, in Piazza Gloriosa.
23 settembre
Elba orientale
La Fortezza del Volterraio
Fortezza dell’Elba per antonomasia e unica fortezza mai espugnata nella storia dell’isola, il Volterraio, appare da lontano come un prolungamento naturale delle rosse rocce di diaspro su cui sorge. Con i suoi 394 metri di altitudine offre un panorama straordinario sull’Elba occidentale e nelle giornate chiare fino alla Corsica. Il Parco Nazionale ha restaurato la struttura e sta rendendo percorribile la sentieristica. Camminare natura e storia.
Ritrovo ore 9.30 Info Park, Portoferraio, o Rio nell’Elba ore 9.45 Casa del Parco. Trasferimento con bus navetta fino all’inizio del sentiero. Durata 3 ore – Difficoltà: media
23 settembre
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante e animali per capire la biodiversità di una delle isole completamente inserite nell’Area Protetta. Parleremo delle iniziative e dei progetti di conservazione del Parco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione su Pianosa); il viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)

24 settembre
Elba orientale
Passeggiare con i colori nelle terre ricche di ocre
Con auto a seguito, nelle vicinanze del sentiero n. 59 si prenderà un sentiero in discesa che ci porterà in luoghi con paesaggi unici e lunari dai colori ricchi di ocre rosse e gialle. Camminare geo
Ritrovo ore 10.00 con auto al seguito presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba – Durata 3 ore – Difficoltà: media

24 settembre
Elba Occidentale
Passeggiata da Sant’Andrea a La Cala
Percorso nella natura tra macchia mediterranea e la costa, da Sant’Andrea alla Cala attraversando un territorio dove macchie e leccete hanno coperto i pendii un tempo coltivati a vigneto, di cui rimangono alcuni palmenti. Si raggiungono le località Maciarello e la Cala, rientrando su uno splendido percorso costiero. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10.00 Capo Sant’Andrea, piazzetta sul mare
Durata: 5 ore – Difficoltà: media
30 settembre
Elba orientale
La Fortezza del Volterraio
Fortezza dell’Elba per antonomasia e unica fortezza mai espugnata nella storia dell’isola, il Volterraio, appare da lontano come un prolungamento naturale delle rosse rocce di diaspro su cui sorge. Con i suoi 394 metri di altitudine offre un panorama straordinario sull’Elba occidentale e nelle giornate chiare fino alla Corsica. Il Parco Nazionale ha restaurato la struttura e sta rendendo percorribile la sentieristica. Camminare natura e storia.
Ritrovo ore 9.30 Info Park, Portoferraio, o Rio nell’Elba ore 9.45 Casa del Parco. Trasferimento con bus navetta fino all’inizio del sentiero. Durata 3 ore – Difficoltà: media

30 settembre
Elba Occidentale
Monte Orlano e la Sughera
Da Pomonte a monte Orlano tra i profumi della macchia alta guardando la più grande valle dell’Elba. Arrivati sulla sommità attraverseremo il pendio del Monte Cenno ammirando Pianosa, Montecristo e la Corsica, per poi scendere sul crinale fra ex coltivi verso la splendida baia di Fetovaia. A fine del percorso, merenda al Pino Solitario offerta dagli albergatori. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 9.30 a Fetovaia, trasferimento a Pomonte con bus navetta. Durata: 5 ore – Difficoltà: medio-impegnativo
30 settembre
Elba orientale
Passeggiare a colori verso nord con il passo lento
Partenza dalla Casa del Parco in auto. Inizio dell’itinerario verso il Semaforo di Monte Grosso. Rientro per la strada della parata. Pranzo al sacco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10.00 con auto a seguito alla Casa del Parco di Rio nell’Elba. Durata 5 ore – Difficoltà: medio impegnativo

1 ottobre
Elba orientale
Trekking minerario alla vecchia ferrovia
Una Escursione pomeridiana alle Miniere di Calamita, Cantiere del Vallone passando per la spiaggia dell’Innamorata; possibilità di raccolta di piccoli campioni di mineralizzazioni del rame e del ferro. Visita al Museo della Vecchia Officina con degustazione. Camminare geo
Ritrovo: ore 14,00 a Capoliveri, parcheggio spiaggia dell’Innamorata. Durata: 5 ore – Difficoltà: medio-facile

1 ottobre
Elba occidentale
Valle di Patresi e il Raggio Verde
Da Patresi risaliamo la valle attraverso il bosco di castagno per raggiungere l’antica fonte del Bollero. Riprendiamo la GTE per il caprile di Serraventosa e scendiamo verso il Raggio Verde. Il sentiero si snoda attraverso la macchia mediterranea, sulla costa che guarda la Corsica, tra terrazzamenti ben in vista ed in parte ancora coltivati, costeggiando la profonda e lussureggiante vallata del Bollero. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10,00 a Patresi presso hotel Belmare
Difficoltà: medio – Durata: 5 ore
1 ottobre
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante e animali per capire la biodiversità di una delle isole completamente inserite nell’Area Protetta. Parleremo delle iniziative e dei progetti di conservazione del Parco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione su Pianosa); il viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)

5 ottobre
Elba orientale
verso monte Serra
Passeggiando verso il monte Serra, alla scoperta di antiche cave e i luoghi dove si forgiava il ferro. Percorso ad anello.
Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10.00 presso la Casa del Parco di Rio nell’Elba
Durata 3 ore – Difficoltà: media
5 ottobre
Elba occidentale
Passeggiare al chiaro di luna
L’avventura di una passeggiata notturna con la sola luce della luna piena riflessa nel mare, per raggiungere il suggestivo Santuario della Madonna del Monte. Una piena immersione sensoriale nel fascino del chiarore lunare. Camminare sensoriale
Ritrovo ore 21:15 Casa del Parco di Marciana
Durata: 3 ore – Difficoltà: facile

7 ottobre
Elba occidentale
Il borgo tra i castagni e l’eremo di San Carbone
Passeggiata dall’antico borgo di Marciana, attraversando un ambiente suggestivo tra il castagneto e il mare, per raggiungere l’Eremo di San Cerbone. Camminare storico
Ritrovo: ore 10:00 la Casa del Parco di Marciana
Durata: 3 ore – Difficoltà: medio-facile

7 ottobre
Elba orientale
La Fortezza del Volterraio
Fortezza dell’Elba per antonomasia, il Volterraio, appare da lontano come un prolungamento naturale delle rosse rocce su cui sorge. Con i suoi 394 metri di altitudine offre un panorama straordinario sull’Elba occidentale e nelle giornate chiare fino alla Corsica. Il Parco Nazionale ha restaurato la struttura e sta rendendo percorribile la sentieristica. Camminare natura e storia.
Ritrovo ore 9.30 Info Park, Portoferraio, o Rio nell’Elba ore 9.45 Casa del Parco. Trasferimento con bus navetta fino all’inizio del sentiero. Durata 3 ore – Difficoltà: media
8 ottobre
Elba occidentale
San Bartolomeo
Immersi in paesaggi granitici dalla rigogliosa vegetazione, risaliremo le pendici del Monte Capanne tra i profumi della macchia mediterranea, spaziando con lo sguardo sul versante meridionale dell’Elba fino alle isole di Pianosa, Montecristo e Giglio. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 10,00 Chiessi Piazza della Chiesa.
Durata 4 ore – Difficoltà: medio-impegnativa
8 ottobre
Elba orientale
Al centro della Terra
Trekking minerario di Monte Calamita. Visita alla galleria del Ginevro (quota 6 m s.l.m., temperatura int. 18 / 20°C). All’esterno sarà possibile raccogliere piccoli campioni di minerale del ferro. Trasferimento da Capoliveri a/r con bus navetta. Al “Museo della Vecchia Officina” degustazione della tipica schiaccia briaca. Camminare geo.
Ritrovo: ore 9.00 a Capoliveri, Piazza del Cavatore
Durata: 4 ore – Difficoltà: medio-facile

8 ottobre
Isola di Pianosa
Alla scoperta della biodiversità
Una passeggiata verso la punta del Marchese, tra l’interno e la costa, alla scoperta di fossili, piante e animali per capire la biodiversità di una delle isole completamente inserite nell’Area Protetta. Parleremo delle iniziative e dei progetti di conservazione del Parco. Camminare naturalistico
Ritrovo ore 9.00 Marina di Campo, biglietteria Aquavision. Durata: 5 ore (escursione su Pianosa); il viaggio in motonave 1 ora ca. per tratta. Difficoltà: media – Costo traghetto a/r (€ 26,90 non residenti; € 8 residenti)

1 ottobre
Isola di Capraia
Trekking Lo Stagnone – Monte le Penne
L’antica mulattiera conduce al panoramico Semaforo, ex punto di avvistamento dalla Marina Militare. Da qui si raggiunge l’unico laghetto naturale dell’Arcipelago, che accoglie l’avifauna migratoria, e lo sperone roccioso di Monte Le Penne, che domina la selvaggia costa occidentale dell’isola. Rientro passando dalla colonia penale. Degustazione prodotti locali. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 9.00 Piazza Milano – Durata: 5 ore – Difficoltà: impegnativo

8 ottobre
Isola di Capraia
Il sentiero del Reganico
Un vero e proprio giardino botanico naturale dove poter osservare tutte le specie caratteristiche della macchia mediterranea. Caratterizzato dai muretti a secco che testimoniano la passata attività agricola dei capraiesi, il sentiero ad anello ritorna al Paese passando per la suggestiva Cala dello Zurletto. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 14.00 in Piazza della Chiesa in Paese
Durata: 2 ore – Difficoltà: facile
23 settembre
Isola di Giannutri
Nel regno del Ginepro Fenicio
L’isola più meridionale dell’Arcipelago Toscano, ricoperta di Macchia Mediterranea, è il regno del Ginepro Fenicio. Camminando in direzione sud, tra i profumi magici dell’isola, arriveremo al Faro di Capel Rosso dove pranzeremo (pranzo al sacco). Dopo raggiungeremo Cala Maestra per la visita alla Villa Romana dei Domizi Enobarbi. Alle ore 16,00 partenza con il traghetto dall’isola. Camminare naturalistico
Ritrovo: Porto S. Stefano imbarco traghetti Maregiglio ore 9.30 muniti di biglietto. Durata: 6 ore – Difficoltà: facile
24 settembre
Isola del Giglio
Escursione e visita guidata all’Azienda Agricola Biologica “Barbara Arienti”
Escursione nella zona sud-est dell’isola, la più selvaggia. Dopo 2 ore di cammino si raggiungerà Cala degli Alberi e l’Azienda Agricola Biologica “Barbara Arienti”, affiancata all’Hotel Hermitage; strutture raggiungibili solo via mare o tramite sentiero. All’arrivo, per chi ne farà richiesta entro il giorno precedente l’escursione, sarà possibile pranzare con i prodotti dell’Azienda agricola. L’Azienda si occupa soprattutto di allevamento di capre, asini, suini (cinta senese), pecore, galline; ma anche di prodotti dell’orto e grano, utilizzando antichi cultivar. Dopo pranzo, visita dell’Azienda Agricola a cura dei proprietari. Verso le 16,30 partenza da Cala degli Alberi per Giglio Porto, con l’ausilio dei Taxi Boat. Camminare per gusto
Durata : 7 Ore – Difficoltà: media

30 settembre
Isola di Giannutri
L’isola delle “Vacanze Romane”!
Escursione alla scoperta del mondo dorato e ingegnoso che gli antichi Romani crearono su questa piccola isola 2000 anni fa, con la costruzione di una Villa Imperiale lussuosa, dove passare le loro “vacanze” di OTIUM. Allo sbarco sull’isola, partenza a piedi verso il sito Archeologico della Villa Romana a Cala Maestra per la visita guidata. Pranzo al sacco (portarsi cibo e acqua). Dopo pranzo l’escursione continuerà alla scoperta degli imponenti resti Romani presenti sull’isola. Alle ore 16,00 partenza con il traghetto dall’isola. Camminare storico
Ritrovo: Porto S. Stefano imbarco traghetti Maregiglio ore 9.30 con ii biglietto. Durata: 6 ore – Difficoltà: facile
1 ottobre
Isola del Giglio
L’Ansonica, un vitigno antico nel posto giusto!
Escursione a piedi nella parte nord dell’isola, dove sia nel passato che nel presente, l’Ansonica è stata protagonista già fin dal tempo dei Romani della viticoltura dell’isola, rimanendo poi Regina incontrastata su tutti gli altri vitigni. Sparsi qua e là sia sulla strada di percorrenza che nei sentieri, si potranno osservare i Palmenti scavati o costruiti nella o sulla roccia, per la vinificazione in loco. A fine escursione, degustazione in una delle Aziende Agricole presenti sull’isola. Camminare naturalistico
Ritrovo: ore 10,00 Giglio Castello in Piazza Gloriosa
Durata : 6 Ore – Difficoltà: media – Costo dell’aperitivo € 10,00 a persona

 

 

CONTINUE READING

Visite alla villa romana di Giannutri nel periodo autunno – inverno per gruppi

 

Fino al 30 aprile sono previste visite guidate su prenotazione al costo di 200 euro a gruppo.

Le guide, messe a disposizione dall’Ente Parco, sono qualificate e abilitate al servizio.

Le visite saranno possibili nei giorni in cui l’isola è raggiungibile dal servizio di linea Maregiglio (mercoledì, sabato e domenica condizioni meteo permettendo).

Ogni capo gruppo (insegnante con studenti, referente associazione di vario tipo, referente gruppo amici, guida ambientale o turistica con suo gruppo etc.) può fare richiesta via mail a info@parcoarcipelago.info oppure contattarci telefonicamente.

 

 

CONTINUE READING

Inverno nel Parco: il calendario degli eventi

inverno_forteinglese_2017_web_presentazione-generale_a5-page-001

 

 

 

 

 

DICEMBRE 2016

Laboratori del Parco

Forte Inglese 10 dicembre ore 16.00

Uccelli migratori, rondini, rondoni, balestrucci. L’importanza dei luoghi di svernamento. Come realizzare mangiatoie e nidi artificiali.

Dopo un viaggio di 14mila km attraverso il deserto e il Mediterraneo rondini, i rondoni e i balestrucci, e tanti altri uccelli migratori tornano nel continente europeo nella buona stagione. Hanno bisogno di ritrovare i loro habitat e i loro nidi. Spesso gli habitat vengono distrutti e offrire accoglienza a questi esemplari diviene strategico per la conservazione della biodiversità.

Laboratorio pratico per imparare a costruire i rifugi per questo tipo di uccelli con una introduzione sul loro ruolo nell’ecosistema. Con Francesco Mezzatesta e Pino Fabbri. “Per tornare a riprodursi nei luoghi dove sono nati questi uccelli percorrono migliaia di chilometri in volo dall’Africa all’isola d’Elba sorvolando il Sahara e il Mediterraneo. Sono insetticidi naturali: soltanto una coppia di rondini, quando alleva la prole, cattura un media 6mila insetti al giorno di cui il 40% costituito da zanzare e mosche. L’edilizia moderna ostacola rondini, rondoni e balestrucci nel trovare luoghi adatti per costruire il nido e molti nidi esistenti vengono abbattuti a causa delle deiezioni quando basta applicare delle piccole mensole sotto per risolvere il problema”.

 

Laboratori del Parco

Patresi (Marciana) 17 dicembre ore 10.00

I saltini dell’Elba, una sapiente architettura contadina. L’agricoltura nel versante occidentale e la tecnica di costruzione dei muretti a secco. Escursione finalizzata alla scoperta delle tecniche costruttive dei muretti a secco, giro ad anello con partenza da Patresi. Con la guida parco Federica Ferrini e Vincenzo Anselmi (inizio sentiero nr. 27 e percorrenza sul sentiero nr. 3, circuito del Raggio Verde).

Luogo di ritrovo: parcheggio Hotel Belmare – Patresi

Percorrenza ore 4 (portare con se pranzo al sacco)

Appuntamento ore 10.00

 

GENNAIO 2017

Incontri

Forte Inglese 8 gennaio ore 16.30

Volti e facce dei cammini. Incontri di viaggio lungo le vie del cammino. Il senso e l’essenza di un viaggio, del cammino, del pellegrinaggio, il movimento ancestrale che ha segnato la storia dell’uomo. Incontro con Maurizia Trevisani che ci racconterà le sue esperienze di cammino lungo la Via Francigena, il Cammino di S. Francesco e il Cammino di Santiago Compostela. Emozioni uniche e amicizie nuove lungo i cammini.

 

Laboratori del Parco

Forte Inglese 13 e 14 gennaio ore 16.00

I laboratori di Elbataste – Photofood

Con Alessandro Beneforti e alcuni chef elbani. Tecniche ed esercitazioni pratiche per fotografare il cibo.

Venerdì 13 gennaio ore 16.00

Sabato mattina e pomeriggio

 

Laboratori del Parco

Forte Inglese 20 e 21 gennaio ore 16.00

I laboratori di Elbataste – La panificazione

Le tecniche di panificazione e l’importanza del lievito madre, le varietà delle farine biologiche e i prodotti locali con Alessandra Bargiacchi, esperta nella gestione del lievito naturale biga e poolish.

Venerdì 20 gennaio ore15,30 – 19
Sabato 21 gennaio 9,30-13  e 15,30-19
Max 15 persone

 

Laboratori del Parco

Forte Inglese 27 e 28 gennaio ore 16.00

I laboratori di Elbataste – Il vino

La cultura del vino nelle isole toscane. Tipologia e varietà dei vitigni, le tradizioni del territorio, le produzioni locali.

Con la partecipazione dell’Associazione Italiana Sommelier a di Antonio Arrighi, viticoltore elbano. Lezioni e degustazioni

Venerdì 27 gennaio ore 16.00-18.30
Sabato 28 gennaio 10.30-13.00 e 16.00-18.30.
Evento gratuito con prenotazione.

 

FEBBRAIO 2017

Laboratori del Parco

Forte Inglese 3 e 4 febbraio ore 16.00

I laboratori di Elbataste – La cucina dell’isola

I cuochi elbani. La cucina del territorio attraverso l’interpretazione degli chef locali. Cooking show. Storie e stili di impresa.

Venerdì 3 gennaio ore ore 16.00-18.30
Sabato 4 febbraio 10.30-13.00 e 16.00-18.30

Incontri

Forte Inglese 10 Febbraio ore 16.00

Il genoma degli animali domestici e le tracce delle antiche migrazioni umane con Marco Pellecchia dell’Istituto di Zootecnia dell’Università Cattolica del Santo Cuore di Piacenza.

La capacità delle specie di sopravvivere adattandosi ai cambiamenti ambientali dipende dalla variabilità genetica. Il mondo della ricerca italiana e mondiale è molto attento a queste tematiche e lavora per tutelare e conservare la biodiversità. Marco Pellecchia svolge la sua attività presso il Centro di Ricerca sulla Biodiversità e sul DNA antico (BioDNA) dell’Università Cattolica di Piacenza. L’esame della variabilità genetica del DNA dei bovini toscani di razza Chianina e Maremmana, ha stabilito un collegamento tra i bovini e la civiltà etrusca e la loro comune provenienza dal Medioriente.

Citizen science

Escursione e conferenza 18 febbraio ore 10.00

La Lymantria: problema o falso allarme con Leonardo Forbicioni esperto entomologo. Escursione nella zona centrale dell’isola per verificare le condizioni delle ovature. Nel pomeriggio conferenza a Forte Inglese.

Escursione appuntamento ore 10.00 presso Infopark (durata 2 ore)

Conferenza Forte Inglese ore 16.00

 

Il paesaggio nella musica

Forte Inglese 19 febbraio ore 16.00

In collaborazione con l’Associazione Amici del Festival. Emozioni e narrazioni in musica. Introduzione all’autore

epoca storica; paesaggio e arti; tecniche di restituzione musicale; ascolti commentati.

 

 Il paesaggio nella musica

Forte Inglese 25 febbraio ore 18.00

Concerto a tre strumenti. In collaborazione con l’Associazione Amici del Festival.

 

MARZO 2017

Incontri

Forte Inglese 3 marzo ore 17.00

Incontro con Roberto Poggi Conservatore Onorario del Museo Civico di Storia Naturale “Giacomo Doria”. Il ruolo dei musei di storia naturale nella conoscenza e nella conservazione della biodiversità.

La mission che i musei naturalistici svolgono per la documentazione e la conservazione della biodiversità: un ruolo profondamente influenzato dall’ambientalismo, che ha inciso e incide in modo pregnante sulle esposizioni e sui programmi di ricerca e didattici.

 

Citizen science

Escursione e conferenza 18 marzo ore 10.00

Visita guidata all’orto dei semplici di Santa Caterina. La conservazione delle specie vegetali, la banca del seme, esperienze e attività a cura di Agostino Stefani della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Escursione Eremo Santa Caterina appuntamento ore 10.00 presso Casa del Parco a Rio Nell’Elba

Conferenza Forte Inglese ore 17.00

 

Il paesaggio nella musica

Forte Inglese 19 marzo ore 16.00

In collaborazione con l’Associazione Amici del Festival. Emozioni e narrazioni in musica. Introduzione all’autore, epoca storica; paesaggio e arti; tecniche di restituzione musicale; ascolti commentati.

 

 Citizen science

Forte Inglese 25 marzo ore 16.00

Alla scoperta dei chirotteri con l’entomologo Leonardo Forbicioni e con Gianna Dondini e Simone Vergari, chirotterologi. Conferenza ed attività di citizen science al crepuscolo. Le ore serali sono particolarmente indicate per l’ascolto con bat- detector e per il posizionamento delle mist-net, speciali reti per la cattura dei pipistrelli.

Le abitudini notturne e schive dei Chirotteri (comunemente chiamati pipistrelli) ne hanno a lungo limitato la conoscenza, creando un alone di mistero e a volte di repulsione. Recenti studi hanno chiaramente dimostrato la loro importanza per l’ecosistema, in particolare per il controllo degli insetti nocivi. I pipistrelli rivestono un ruolo strategico nel controllo delle popolazioni di insetti al di sotto del cosiddetto economic injury level, consumando un’ampia varietà di insetti; tra questi ci sono alcune delle specie più dannose per la vegetazione forestale e per l’agricoltura. Si è stimato che una piccola colonia di 150 esemplari di Eptesicus fuscus consuma in una notte circa 1.3 milioni di insetti infestanti.

 

APRILE 2017

Incontri

Auditorium De Laugier Portoferraio 3 aprile ore 17.00

Incontro con Francesco Cavalli Sforza.

Filosofo, regista, e divulgatore scientifico di temi che riguardano “chi siamo e da dove veniamo”. La storia della diversità umana dimostra l’origine comune dell’umanità moderna e smonta pezzo per pezzo il concetto di razza.

 

Incontri

Auditorium De Laugier Portoferraio 7 aprile ore 17.00

Incontro con Daniela Ducato.

Quando l’eccedenza produce eccellenza. Esperienze dell’imprenditrice sarda Daniela Ducato anima e cuore di aziende sarde specializzate nella produzione di materiali ad alta tecnologia industriale, realizzati esclusivamente con surplus ed eccedenze vegetali, animali e minerali. Molti i riconoscimenti ricevuti tanto che Daniela Ducato è entrata nella top ten delle eccellenze tecnologiche mondiali.

 

Citizen Science

Escursione e conferenza 22 aprile ore 10.00

Escursione con l’esperto entomologo Leonardo Dapporto nella zona occidentale dell’isola in prossimità del Santuario delle farfalle. Le isole dell’Arcipelago Toscano (Elba, Capraia, Gorgona, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri), ospitano una delle più preziose faune di farfalle insulari nel Mediterraneo. I più importanti gruppi di ricerca europei le studiano da anni per capirne esattamente l’origine e preservarne il futuro. Al termine dell’escursione l’appuntamento è a Forte Inglese per la presentazione degli ultimi studi effettuati dall’equipe coordinata da Leonardo Dapporto.

Escursione, luogo dell’appuntamento da definire appuntamento ore 10.00, durata 2 ore

Conferenza Forte Inglese ore 17.00

 

 Citizen science

Escursione e conferenza 29 aprile ore 10.00

Le libellule nell’Arcipelago Toscano, anelli della biodiversità, osservazione, ecologia, comportamento. Escursione nella zona centrale dell’isola con esperti odonatologi. A seguire conferenza a Forte inglese.

Escursione appuntamento presso Infopark ore 10.00, durata 2 ore ca.

Conferenza Forte Inglese ore 17.00

 

CONTINUE READING

Eco rent all’Info Park per muoversi in libertà all’Elba

per-post-auto

Auto elettriche per visitare l’Elba rispettando la natura.  La rosa di servizi ecosostenibili, pensati per la comodità del viaggiatore si amplia e coniuga agilità e rispetto ambientale.

Il comune di Portoferraio, in collaborazione con Sharen’go, leader mondiale del car sharing e gestore della filiera del sharing in molte località italiane, ha avviato una prima fase sperimentale del servizio con macchine elettriche a bassissimo impatto ambientale.

L’obiettivo dell’operazione è proprio la promozione della mobilità sostenibile e la riduzione delle emissioni in atmosfera per la salvaguardia dell’aria nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, in linea con le direttive della CETS (Carta Europea del Turismo Sostenibile) il cui percorso è stato attivato nell’Arcipelago Toscano dal Parco Nazionale.

Si tratta di una grande opportunità di muoversi in libertà e responsabilmente su tutta l’isola. L’iniziativa rappresenta un primo passo concreto dell’importante programma di finanziamento attivato dai Comuni di Portoferraio e Rio Marina. Infatti Rio Marina e Portoferraio, insieme ai comuni di altre cinque isole europee, Funchal (Portogallo), Las Palmas (Spagna), Limmassol (Cipro), La Valetta (Malta), Isola d’Elba (Italia) e Rethymno, (Grecia), si sono aggiudicati il bando del programma Civitas (Horizon 2020), un’iniziativa dedicata ad attuare misure di mobilità sostenibile, pulita ed efficiente; l’importo complessivo è di 1,5 milioni di euro gestito quale capofila dal comune di Funchal dell’Isola di Madeira.

Lo spirito green si presenta all’Elba un “Share and Go Point”, disponibile presso Infopark tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 e il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle 22.00. Le auto di piccola dimensione sono comode sia da parcheggiare che per visitare le tante località di quest’isola.

Da non sottovalutare anche la possibilità di entrare con queste auto elettriche, molto comode anche perchè di piccola dimensione, nel bellissimo centro storico di Portoferraio, ad oggi regolamentato da una zona di traffico limitato, che esclude le auto alimentate a benzina e gasolio.

Quanta strada si può fare con una eco car, vi chiederete. Bene, una carica della macchina elettrica dura circa per 100 chilometri, pari a circa quattro ore di viaggio, un tempo sufficientemente lungo per fare parecchia strada all’Elba.

Al momento a Portoferraio sono disponibili due auto, proprio di fronte all’area portuale riservata ai traghetti, e precisamente in Calata Italia n. 4. Ma presto saranno attivati altri punti, a Marciana Marina, Marina di Campo e Porto Azzurro, in modo da offrire una vera e propria rete di interscambio di auto elettriche con relative colonnine di ricarica.

CONTINUE READING

Giannutri la bella: come accedere e visitare gli scavi archeologici

giannutriMagico scoglio di calcare bianco, elegante e selvaggia, angolo di paradiso fatto di coste rocciose biancastre che si tuffano a picco nel blu profondo del mare, ricoperta da rigogliosi cuscini di macchia mediterranea, che regalano fioriture fiabesche e intensi profumi: è Giannutri, l’isola più a sud dell’arcipelago toscano.
Come le altre, anche Giannutri è parte integrante del Parco Nazionale dell’Arcipelago toscano ed è suddivisa in diverse zone di tutela, dettagliatamente spiegate e cartografate sul sito istituzionale dell’ente.
In tanti ci chiedono: come si può arrivare a Giannutri? Principalmente prenotando un posto sulla motonave della società Maregiglio che parte da Porto Santo Stefano, oppure, sempre con la barca della Maregiglio, direttamente dall’isola del Giglio. Si può attraccare anche con la propria imbarcazione, ai porticcioli di Cala Spalmatoio e Cala Maestra. Fate però attenzione alle precise regole da osservare e ai periodi di fruizione, disposti dalla legge e ricordati sul sto del parco nazionale, per non incorrere in spiacevoli sanzioni. L’isola è visitabile da soli o accompagnati, tranne che nel periodo che va dal 15 aprile al 15 ottobre. In quel periodo la fruizione a terra è consentita liberamente soltanto lungo il sentiero principale, chiamato “corridoio”, mentre il resto del territorio è percorribile con una guida ambientale ogni 25 persone e pagando un ticket di accesso all’Area Protetta di €. 3,00.  Da questo ticket sono esentati i residenti nelle isole dell’arcipelago toscano, i portatori di handicap, i bambini fino al compimento del 10° anno di età e coloro che devono recarsi a Giannutri per motivi di lavoro e/o istituzionali.
L’accesso alle zone di protezione è comunque consentito ai residenti sull’isola di Giannutri, ai proprietari di abitazioni, affittuari e ospiti delle strutture ricettive presenti sull’isola a cui viene rilasciato un permesso numerato dal Parco.

Il mare intorno all’isola è suddiviso in zone 1 e 2, esclusi i due corridoi di accesso per le imbarcazioni di Cala Maestra e Cala dello Spalmatoio.

La principale attrazione dell’isola è la sua bellissima villa romana. Stiamo parlando del sito archeologico della cosiddetta villa dei Domizi Enobarbi, riaperto nell’estate del 2015, visitabile soltanto se accompagnati da guide specializzate.
Gli studiosi ci dicono che la frequentazione dell’isola di Giannutri inizia in epoca preistorica, come testimoniato da numerosi reperti archeologici, successivamente viene abitata dagli etruschi e dai romani. L’isola infatti era passaggio quasi obbligato delle rotte commerciali dell’antichità, lo testimoniano i numerosi relitti di navi mercantili affondate intorno alle sue coste, che fanno supporre floridi traffici marittimi con la terraferma.
A Cala Spalmatoio è ancora oggi riconoscibile la foggia del porto romano, mentre a cala Maestra si ergono maestose le rovine di una grande villa di delizia che dovrebbe risalire al II secolo dopo Cristo.

Si tratta della cosiddetta Villa Domizia, così chiamata perché probabilmente fu fatta costruire dalla famiglia imperiale dei Domizi Enobarbi, proprietaria di Giannutri. Ancora oggi si può ben immaginare il lusso della residenza affacciata sulla costa, da cui si gode una vista meravigliosa sul mare. Era certamente di grandi dimensioni, i resti si sviluppano su di un’area di circa cinque ettari di terreno e aveva un’enorme terrazza, accessibile direttamente dal mare tramite una ampia scalinata. Gli scavi archeologici effettuati dagli anni ’30 in poi hanno restituito splendidi mosaici in bianco e nero. La sontuosità degli ambienti e l’articolazione planimetrica ci raccontano di una frequentazione imperiale, con gli ambienti per il personale di servizio e una azienda agricola.
Chi desideri visitare l’area archeologica dell’isola deve prenotarsi e acquistare il biglietto d’ingresso all’area protetta. Per informazioni di dettaglio e prenotazioni potete chiamare l’ufficio turistico del Parco InfoPark, che si trova a Portoferraio, Calata Italia, n. 4 tel.0565. 908231 – email: info@parcoarcipelago.info

CONTINUE READING

Corso di fumetto per bambini e ragazzi a Forte Inglese

rinesch
Un corso di fumetto con protagonisti animali, reali o fantastici, condotto dall’artista austriaco Alex Rinesch, si terrà dal 21 al 26 luglio, tutti i giorni, dalle ore 17 alle ore 19.00, al forte inglese di Portoferraio.
Il laboratorio è rivolto in special modo a ragazzi dagli 8 ai 13 anni ed è gratuito.
Si tratteranno le tecniche di base del fumetto e del disegno umoristico con caratteri animali.
Partendo dalla fantasia personale dei ragazzi, si potrà sviluppare e poi disegnare una storia con protagonista il proprio animale ideale. Alex Rinesch, pittore e fumettista, con una lunga carriera alle spalle molto noto anche all’Elba, guiderà i ragazzi e insegnerà loro come si compone una storia, come si sceglie un tema, come si costruiscono le scene, come si inseriscono i testi, i simboli, le scritte, come si colora con tecniche diverse la storia, come si compone la pagina, la singola vignetta.
Infine, ma non da ultimo, l’artista mostrerà come si lavora in gruppo.

Per informazioni di dettaglio e prenotazioni, potete telefonare all’InfoPark (aperto dal lunedì alla domenica, dalle ore 9.00 alle ore 19.00) tel. 0565-908231.

Claudia Lanzoni
Communication, Nature & Culture projects, journalist
CONTINUE READING

Eventi al Forte Inglese: il programma del mese di luglio

eventi luglio

Nel mese di luglio saranno molti gli appuntamenti in programma al Forte Inglese di Portoferraio. Tra natura e cultura, tra educazione e divertimento si alterneranno eventi gratuiti, dedicati all’approfondimento di temi legati al territorio, con qualche incursione musicale nelle culture più lontane. Tutti gli eventi sono promossi dal Comune di Portoferraio, dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e sono organizzati dal nostro ufficio InfoPark di Portoferraio.
Il filo rosso che lega tutto è la mostra, in corso fino a settembre, delle bellissime tavole ad acquerello dei pittori naturalisti (Federico Gemma, Lorenzo Dotti, Andrea Ambrogio) che hanno illustrato i taccuini di viaggio nelle isole dell’Arcipelago Toscano, l’ultima, felice impresa editoriale del Parco Nazionale, pubblicata per i tipi della Edt edizioni di Torino. L’operazione, partita lo scorso anno, si concentra ora sui volumi dedicati alle isole d’Elba, Giannutri, Gorgona e Montecristo. La collana dei taccuini inaugura un nuovo modo di raccontare l’arcipelago, in cui arte e memoria trovano ampio risalto, le notazioni naturalistiche e paesaggistiche sono protagoniste, le tonalità evocative si accostano alla sensibilità contemporanea, centrando gli aspetti più suggestivi delle isole toscane.

In calendario lunedì 4 luglio, alle 21.30 La musica è donna, un concerto di brani cantautorati e musiche al femminile, protagonista la grande voce di Sara Ferrini, giovane cantante di Rio Marina che ha trovato meritato successo di pubblico in Italia e all’estero.

Si prosegue domenica 10 luglio, alle 18.30 Pianosa, un’isola ancora da scoprire, saranno illustrati i risultati delle nuove indagini geo-archeologiche dai protagonisti diretti delle recenti, entusiasmanti scoperte, l’archeologa Lorella Alderighi e il geologo Luca Foresi.

Mercoledì 13 luglio, alle ore 17.30 si terrà una visita guidata all’architettura del forte inglese con l’autrice del progetto di restauro, l’architetto comunale Elisabetta Coltelli.

Giovedì 14 luglio, alle ore 21.30 concerto di Federico Piccotti per violino e pianoforte. Con lui i giovani vincitori del concorso Riviera Etrusca.

Domenica 17 luglio, alle ore 18.30 Saggio di pianoforte di Elba Masterclass, a seguire apericena.

Da giovedì 21 luglio a lunedì 26 luglio, dalle ore 17 alle 19, workshop di disegno per bambini (8/14 anni) col pittore Alex Rinesch, la partecipazione è gratuita, il materiale da disegno sarà fornito dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Sabato 23 luglio alle ore 18.30, I taccuini del Parco, conferenza con l’architetto Paolo Pejirone. Alle ore 21.30 concerto per pianoforte con Fernanda Damiano.

Domenica 24 luglio, alle ore 18.30, Un giardino semplice, conferenza dell’architetto Paolo Pejirone.

Giovedì 28 luglio, alle ore 21.30, concerto per pianoforte di Pietro Bonfilio.

A breve vi proporremo anche gli appuntamenti di agosto, state con noi!

CONTINUE READING

Nuove scoperte archeologiche a Pianosa, se ne parla al Forte Inglese il 10 luglio

pianosa-archeologia

Domenica 10 luglio, alle ore 18.30, al Forte Inglese di Portoferraio, si parlerà di archeologia e di nuove entusiasmanti scoperte di scavo. Dove sono avvenute queste nuove incredibili scoperte? A Pianosa, un’isola carica di suggestioni, enigmatica, dolente e contemporaneamente di grande fascino. E anche, evidentemente, un’isola in cui c’è tanto ancora ancora da scoprire. I risultati delle nuove indagini geo archeologiche saranno illustrate in una conferenza pubblica dall’archeologa Lorella Alderighi e dal geologo Luca Foresi.

A Pianosa le prime tracce di insediamenti umani risalgono al Paleolitico superiore.

I primi abitanti di Pianosa provenivano dall’Elba, lo testimoniano diversi strumenti litici in quarzo e selce provenienti dalla vicina isola e alcune ceramiche. Altri manufatti in ossidiana fanno pensare a scambi commerciali con la vicina Sardegna. Questi reperti provano l’importanza di Pianosa come punto di sosta per le navi che percorrevano le grandi rotte mediterranee.
A Pianosa ci sono anche grotte naturali utilizzate come sepolture nell’età del bronzo, probabilmente del tardo Neolitico, dove sono stati trovati corredi funebri. A Cala Giovanna, a Punta Secca, all’isolotto della Scola. Dalla loro distribuzione si pensa che gli insediamenti umani fossero di pescatori.

Sono stati trovati anche reperti etruschi.

Planasia o Pianosa viene citata nei testi classici, Varrone ci dice che l’isola apparteneva a M. Pisone, ne parla Tacito, nel V secolo viene definita ingannatrice dei naviganti. Notizie più specifiche provengono da fonti romane, che ci raccontano come Sesto Pompeo la invase con l’intento di razziarne il grano.

Pochi anni più tardi, dopo dure guerre, Sardegna, Corsica, Sicilia e Arcipelago Toscano tornano in possesso di Roma e proprio qui venne esiliato un membro della famiglia di Augusto: Agrippa. Un lungo esilio, il suo, che però non dovette essere particolarmente duro, tra battute di pesca, e tanto teatro, aspetti testimoniati dal grande scavo archeologico dei cosiddetti “Bagni di Agrippa”.

Più recentemente dai sondaggi sembra ipotizzabile la residenza di un altro patrizio romano, come evidenziato dai resti di un’altra villa romana di epoca più antica.

Più tardi, poi, sull’isola si insediò una cospicua comunità cristiana. Di questo e soprattutto delle ipotesi storiche sviluppate da importanti nuove acquisizioni archeologiche, si parerà durante la conferenza dei due studiosi. Noi vi aspettiamo!

CONTINUE READING

Isola D’Elba: corso di disegno e acquerello dal vero con Federico Gemma

 

gemma-corso

Partendo da Portoferraio un workshop di 4 giorni per ripercorrere i luoghi del taccuino dell’Elba disegnando e dipingendo i panorami più suggestivi, i piccoli paesi arroccati, i paesaggi marini, le rocce di granito e i lussureggianti boschi montani.

Argomenti trattati

Tecnica dell’acquerello, disegno dal vero, scelta del soggetto e relativa composizione, raffigurazione del paesaggio con particolare riferimento agli ambienti naturali, interpretazione di luci e ombre, scelta cromatica e trasparenza dei colori.

Programma
Venerdì 17 ore 17,30 Forte Inglese di Portoferraio: presentazione del workshop e conferenza sul disegno dal vero (gratuito per tutti). A seguire visita guidata alla mostra.

Sabato 18 giugno: sessione di disegno dalle 10/13 e dalle 15/18
Domenica 19 giugno: sessione di disegno dalle 10/13 e dalle 15/18
Lunedì 20 giugno: sessione di disegno dalle 10/13 e dalle 15/18
Martedì 21 giugno: sessione di disegno dalle 10/13 e dalle 15/18

Base del corso sarà il Forte Inglese di Portoferraio da cui si partirà di volta in volta per raggiungere i luoghi prescelti. Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo o altro.

Materiali consigliati
Una scatoletta di acquerelli in pasticche (Horadam Schmincke e Winsor&Newton i migliori), pennelli vari (pennello piatto n.10 o 15, pennelli tondi varie misure: 3-5-8-12), taccuino o blocco o carta per acquerello (min. 150/200 gr., formato A5, A4 o panoramico), matite (HB,2B, 3B), gomma per cancellare, contenitore per l’acqua, fazzolettini di carta, seggiolino portatile, cappello, occhiali da sole.
Vedere anche i suggerimenti sul sito di Federico Gemma.

Quota di iscrizione
Quota di iscrizione al corso per i quattro giorni: 120 euro
Quota di iscrizione solo per il sabato e domenica: 80
Quota di iscrizione per una giornata: 45 euro

Il corso è aperto a tutti, principianti ed esperti disegnatori, di età superiore ai 14 anni.
Numero minimo di partecipanti 4 massimo 15.

Info e iscrizioni
La richiesta di iscrizione al corso dovrà pervenire tramite mail al seguente indirizzo: info@parcoarcipelago.info entro il 14 giugno 2016. Per iscrizioni e informazioni: Tel 0565-908231.

CONTINUE READING

L’Arcipelago in mostra

per post

Al Forte Inglese di Portoferraio, dal 3 giugno al 4 settembre , si terrà la mostra di acquerelli sulle isole Elba, Montecristo, Gorgona e Giannutri , firmati da Federico Gemma, Andrea Ambrogio e Lorenzo Dotti, una proposta editoriale nata dalla collaborazione tra il Parco Nazionale e le edizioni Edt. I tre disegnatori naturalisti autori dei taccuini dell’Arcipelago Toscano di Capraia, Pianosa e Giglio usciti nel 2015 , hanno proseguito la loro opera sulle restanti isole dell’Arcipelago. (altro…)

CONTINUE READING